La notizia che ha scosso il mondo della musica quest’oggi è la seguente: l’attrice Evan Rachel Wood, dalle pagine virtuali di Vanity Fair, ha accusato Marilyn Manson di abusi.

La denuncia della Wood, ex di Manson dal 2007 al 2010, è stata seguita dalle testimonianze di altre 4 donne, ed è abbastanza pesante. Oltre a dichiarare di essere stata adescata psicologicamente da Manson quando era ancora un’adolescente, continua:

I was brainwashed and manipulated into submission. I am done living in fear of retaliation, slander, or blackmail. I am here to expose this dangerous man and call out the many industries that have enabled him, before he ruins any more lives. I stand with the many victims who will no longer be silent.

La risposta di Manson non si è fatta attendere, ovviamente negando tutto e cercando di abbassare i toni:

Obviously, my art and my life have long been magnets for controversy, but these recent claims about me are horrible distortions of reality. My intimate relationships have always been entirely consensual with like-minded partners. Regardless of how—and why—others are now choosing to misrepresent the past, that is the truth.

Come andrà a finire la storia non è ancora chiaro, ma nel frattempo Marilyn Manson è stato licenziato dalla label Loma Vista, che ha pubblicato i suoi ultimi due album. La sua musica è ancora disponibile sui servizi di streaming, ma chissà cosa succederà con i prossimi sviluppi della faccenda.