ex-hex---hot-and-cold
40
Ex Hex
Hot And Cold
Probabilmente la all-female band dell’anno: l’esordio delle Ex Hex è adrenalina pura. Power Pop incalzante e di qualità, con chiare influenze 70s, dal punk al glam rock. 12 pezzi che sono tutti potenziali singoli, qui Hot And Cold, schifosamente catchy e spensierata.
high-ball-stepper---jack-white
39
Jack White
High Ball Stepper
High Ball Stepper è il primo estratto che ha anticipato l’uscita di Lazaretto, il nuovo album del signor Jack White. Suono super-fuzzoso, tanto che sembra che il tutto possa prender fuoco da un momento all’altro, cura maniacale di ogni dettaglio e tanta qualità, il tutto condito con un video ipnotizzante. Il buon Jack non smette mai di sorprendere.
ought---habit
38
Ought
Habit
Con il loro debut, gli Ought hanno non solo realizzato un album coeso, ma sono stati in grado di consegnare uno dei migliori brani di questo 2014: Habit. Velvet Underground, Television, violini in crisi epilettica e continui crescendo per raggiungere l’estasi finale in pieno relax.
sia-chandelier
37
Sia
Chandelier
1000 Forms Of Fear è il suo sesto album all’attivo, ma Sia la ricorderemo principalmente per questa Chandelier, pezzo pop del 2014 cantato a squarciagola pure dai più puritani alla prima occasione utile. Corredata da un video nel quale una bimba con il caschetto biondo interpreta convulse coreografie, il pezzo racconta il rifugio nell’alcool dopo una storia andata male. E se pure Four Tet gli ha dedicato un remix…
BROODS_bridges
36
Broods
Bridges
C’è chi gridava al ‘pezzo pop dell’anno’ qualche mese fa. Se non lo è poco ci manca: il duo neo-zelandese piomba nel mondo della musica con un brano che mischia The Naked And Famous, CHVRCHES e Lorde. Un viaggio fatto di semplici (ma efficaci) pad-synth accompagnati della soave voce di Georgia.
jamesblake200press
35
James Blake
200 Press
Ancora memori di Overgrown, ed in trepidante attesa del prossimo lavoro datato 2015, in questo 2014 ci siamo dovuti “accontentare” di un EP targato James Blake. 200 Press conferma il talento del giovanotto britannico e, tra campanelle ed i suoi caratteristici synth, ci dà importanti segnali sul suo crescente gradimento per la scena R&B.
fearofmen_luna
34
Fear Of Men
Luna
Nonostante il 2014 non sia stato un anno fiorente per l’indie-pop, i Fear Of Men, con il loro debut Loom, hanno saputo tenere alta la bandiera. Il disco è pieno zeppo di brani gradevolissimi: Luna è un concentrato di sonorità mistiche e sognanti; un dream pop di pregevole fattura, morbido e caldo, come il vostro maglione preferito.
htdw---words-i-don't-remember
33
How To Dress Well
Words I Don’t Remember
HTDW Tom Krell torna con le sue atmosfere malinconiche e stavolta probabilmente si scava dentro più che mai. L’abilità di questo talentuosissimo ragazzo, che ormai ha abbandonato quel lo-fi che lo aveva caratterizzato ad inizio carriera, è ben visibile in questa traccia, una ballad fortemente R&B, ma rimaneggiato a suo modo.
alvvays---ones-who-love-you
32
Alvvays
Ones who love you
Gli Alvvays rappresentano forse una delle più interessanti novità di quest’anno. Ones Who Love You racchiude in sé l’essenza del self-titled album di debutto. Un disco che ama e che vuole essere amato, dolce, aggraziato e ricco di sentimenti. Se fosse una donna, non gli voltereste le spalle, anzi, lo terreste stretto a voi.
chet-faker---talk-is-cheap
31
Chet Faker
Talk is Cheap
Da singolo anticipatore, a vera e propria perla di diamante dell’album di esordio della barba più indie d’Australia, aka Chet Faker. Una canzone estremamente catchy, accalappia-hipster barbuti si potrebbe dire, ma con sonorità di indubbia qualità che vanno dalle cornamuse in sottofondo all’organetto accompagnatore, fino al ritornello-tormentone. Ebbravo Chet.

1 2 3 4 5

Sei d'accordo? Dicci la tua!